Cari Fedeli, Amici e Benefattori,

Giunti all'appuntamento con il Santo Natale mi sono reso conto di non aver avuto tempo e testa per redigere il bollettino del Priorato, “Pax tibi”. Tuttavia non voglio lasciare passare questa Festa senza rivolgermi a voi, Fedeli vicini e lontani.

Durante quest'anno, con il vostro aiuto, siamo riusciti a realizzare due opere importanti per il consolidamento del nostro Priorato: il rifacimento del tetto dell'Oratorio Beata Vergine di Lourdes e l'istallazione del riscaldamento a pavimento. Erano due lavori necessari per fare della nostra cappella un luogo accogliente in cui pregare.

Questo per quanto riguarda l'aspetto “materiale”; per quanto riguarda l'aspetto “spirituale” si è notato un incremento dei fedeli abituali, aumento che si registra anche nelle cappelle dipendenti dal Priorato (Verona, Ferrara, Trento,Trieste e, in prospettiva, Vicenza). È di grande incoraggiamento per noi sacerdoti, poiché se è vero che “ogni anima è una grande diocesi”, è pur vero che vedere una cappella affollata consola il cuore di chi ha dovuto forse percorrere tanti chilometri per celebrare quella Messa.

Di tutto questo dobbiamo ringraziare la Divina Provvidenza che non fa mai difetto; e anche tutti coloro che con la loro generosità se ne sono fatti strumenti. Il Priorato vive grazie alle vostre offerte e alla vostra concreta partecipazione.

È stato anche l'anno delle grandi “novità” nella vita della Fraternità San Pio X. Dal mese di luglio, come sapete, è don Davide Pagliarani che è stato eletto dal Capitolo Superiore generale per i prossimi dodici anni. Per noi è un grande onore vedere un sacerdote italiano ad un posto così importante e sono certo che il nuovo Superiore saprà reggere la piccola e fragile barchetta della Fraternità in questi tempi così difficili per chi vuole rimanere semplicemente cattolico. Quasi ad effetto domino, c'è stato la nomina del nuovo Superiore del Distretto nella persona di don Ludovico Sentagne: anch'egli ben conosciuto dai fedeli del Veneto per il suo zelo dispiegato per lunghi anni. L'uno e l'altro li teniamo nelle nostre preghiere perché possano fare del bene alle anime. Ultimo cambiamento (in ordine di tempo) è stato il passaggio di consegne tra don Massimo Sbicego e don Mauro Tranquillo. Al primo va il nostro grazie per i cinque anni trascorsi insieme; al secondo il nostro benvenuto nelle terre di San Marco.

«Imitiamo i pastori nell'andare sollecitamente a Dio appena ci chiama con le sue divine ispirazioni, e non frapponiamo indugi alla sua grazia. La prontezza nel rispondere alla sua voce ci fa trovare la via del Cielo e ci fa raggiungere la meta che Egli assegna al nostro terreno pellegrinaggio. Chiamaci, o Gesù, perché ti seguiamo, e salvaci nella tua infinita misericordia!» (don Dolindo Ruotolo, La Sacra Scrittura, vol. XX/c).

Il Bambino Gesù vi benedica. Santo Natale e Santo Anno nuovo a tutti.

Don Luigi Moncalero

e la Comunità del Priorato San Marco



–––––––––––––––––––

Per aiutare il Priorato San Marco:

IBAN: IT 23X 02008 6210 0000102819055
BIC Swift: UNCRITM1A71
Intestato a Fraternità Sacerdotale San Pio X