Conferenza SeregnoC'é una verità di fede che è contenuta nelle Sacre Scritture, fissata dal Credo, ribadita dal Catechismo e spiegata da tutti i Padri e  i Dottori della Chiesa. Tale verità - che il mondo è stato creato dal Verbo secondo l'essenza di Dio o lex aeterna e che l'uomo conosce l'immutabile ordine creato tramite la propria ragione (STh I-II, q. 93) - è stata aggredita in molte occasioni durante la storia, ma forse mai come nell'ora presente.

ElevazioneAnche quest'anno, come sempre, il Priorato di Montalenghe ha celebrato, con particolare solennità, la festa del suo Patrono San Carlo Borromeo. Oltre centoventi sono stati i fedeli, accorsi da tutte le regioni italiane del nord-ovest, che si sono ritrovati per la ricorrenza.

La chiesa del Priorato San CarloDomenica 4 novembre si è celebrata a Montalenghe la Festa del Santo Patrono, che quest'anno cadeva proprio di domenica. Don Petrucci ha accettato l'invito del Priore e ha celebrato la Santa Messa alle 10.30. La presenza dei seminaristi italiani di Ecône ha consentito di celebrare in tutta la bellezza del rito solenne. Durante l'omelia. don Petrucci ha sottolineato l'importanza di mettere a frutto i talenti ricevuti da Dio, sull'esempio di san Carlo Borromeo.

Spiga di granoIn questo mese di giugno, mese della Festa del Corpus Domini, del Sacro Cuore e del Sacerdozio, vi proponiamo la lettura di questa bellissima novella di Tito Casini, scrittore toscano profondamente cattolico.
Buona lettura. don Luigi Moncalero

Spirito SantoSabato 26, Vigilia di Pentecoste, in una splendida giornata di maggio, S.E. Mons. Alfonso de Galarreta ci ha onorato della sua presenza in Priorato per conferire la Santa Cresima a 11 nuovi Soldati di Cristo e amministrare la Prima Comunione a 7 bambini.

Luigi CalabresiIl 17 maggio 1972 cadeva ucciso a Milano da due colpi di pistola alla schiena e alla nuca il Commissario Luigi Calabresi, al culmine di una campagna di linciaggio attuata dalla stampa di sinistra, da buona parte di quella cosiddetta “indipendente” e da vari intellettuali e scrittori che allora (come oggi) imperversavano. A quarant’anni di distanza da quel vile assassinio, per capire che pasta di uomo e di cattolico fosse questo giovane (era nato nel 1937), proponiamo la lettura di un suo intervento del novembre 1966 ad una tavola rotonda indetta dal giornale Epoca.

Il Volto di Cristo

Il tuo volto, Signore, io cerco

Nell’Antico Testamento si parla del “Volto di Dio” a più riprese. Si tratta, evidentemente di un antropomorfismo, dal momento che Dio è “purissimo Spirito” e che quindi non ha un volto, delle mani o dei piedi. Ma l’uomo ha bisogno di simili immagini concrete.