dal libro

Lo hanno detronizzato.

Dal liberalismo all’apostasia. La tragedia conciliare.

brani scelti

 

 

 

 

Prima Parte - Il Liberalismo. Principi ed applicazioni.

Capitolo III - Nostro Signore Gesù Cristo e il liberalismo - seguito -

 

 2) «L’indipendenza dell’uomo, della famiglia, della professione, soprattutto dello Stato, nei confronti di Dio, di Gesù Cristo, della Chiesa; dipende dai punti di vista, ed ecco il naturalismo, il laicismo, il latitudinarismo (o indifferentismo) (…) da qui l’apostasia ufficiale del popoli che rifiutano la regalità sociale di Gesù Cristo, che disconoscono l’autorità divina della Chiesa».

 llustrerò questi errori con alcuni considerazioni:

 Il naturalismo sostiene che l’uomo è limitato alla sfera della natura e che non è per niente destinato da Dio allo stato sovrannaturale.

 La verità è tutt’altra: Dio non ha creato l’uomo allo stato di pura natura. Dio ha costituito di primo acchito l’uomo nello stato sovrannaturale:

 Dio, afferma il concilio di Trento, aveva costituito il primo uomo «nello stato di santità e di giustizia» (Dz 788).

 L’uomo fu destituito dalla grazia santificante in conseguenza del peccato originale, ma la Redenzione mantiene il disegno di Dio: l’uomo rimane destinato all’ordine sovrannaturale.

 Essere ridotto all’ordine naturale è per l’uomo uno stato violento che Dio non approva. Ecco quel che insegna il Cardinale Pie, dimostrando che lo stato naturale non è in sé cattivo, ma che è la sua destituzione dall’ordine sovrannaturale ad essere cattiva:

 «Voi insegnerete, dunque, che la ragione umana ha una sua facoltà propria e i suoi attributi essenziali; voi insegnerete che la virtù filosofica possiede una bontà morale e intrinseca che Dio non disdegna di remunerare, negli individui e nei popoli, con certe ricompense naturali e temporali, talvolta persino con favori più elevati.

 Ma voi insegnerete anche e proverete, con argomenti inseparabili dall’essenza stessa del cristianesimo, che le virtù naturali, che i lumi naturali, non possono condurre l’uomo al suo fine ultimo che è la gloria celeste.

 «Voi insegnerete che il dogma è indispensabile, che l’ordine sovrannaturale nel quale l’autore medesimo della nostra natura ci ha costituito, con un atto formale della sua volontà e del suo amore, è obbligatorio e inevitabile;

 voi insegnerete che Gesù Cristo non è facoltativo, e che al di fuori della sua legge rivelata non esiste, non esisterà mai il giusto ambiente filosofico e pacifico dove chicchessia, anima elevata o anima volgare, possa trovare il riposo della sua coscienza e la regola della sua vita.

 «Voi insegnerete che non importa solamente che l’uomo compia il bene, ma importa che lo compia nel nome della fede, per un impulso soprannaturale, senza il quale i suoi atti non conseguiranno mai l’obiettivo finale che Dio gli ha indicato, cioè la felicità eterna dei cieli… » (20).

 Così, nello stato dell’umanità concretamente voluto da Dio, la società non può costituirsi né sussistere al di fuori di Nostro Signore Gesù Cristo: è l’insegnamento di san Paolo:

 «È in lui che tutte le cose sono state create, quelle che sono nei cieli e quelle che sono sulla terra (…) tutto è stato creato mediante lui e per lui. Egli è prima di tutte le cose, e tutte le cose sussistono in lui» (Col I, 16s.).

 Il disegno di Dio è di «tutto ricapitolare nel Cristo» (Ef I, 10), cioè di ricondurre tutte le cose ad un solo capo, il Cristo.

 Papa san Pio X assumerà quale suo motto queste stesse parole di san Paolo: «omnia instaurare in Cristo», tutto instaurare, tutto restaurare nel Cristo: non soltanto la religione, ma la società civile:

 «No, Venerabili Fratelli, occorre ricordarlo energicamente in questi tempi di anarchia sociale e intellettuale, in cui ciascuno si pone quale dottore e legislatore;

 non si edificherà la società diversamente da come Dio l’ha edificata; non si edificherà la società se la Chiesa non ne pone le basi e non ne dirige i lavori; non si deve inventare la civiltà, né si deve costruire la nuova società tra le nuvole.

 Essa è esistita ed esiste; è la civiltà cristiana, è la civiltà cattolica. Non si tratta che di instaurarla, ristabilirla incessantemente sulle sue naturali e divine fondamenta contro i rinascenti attacchi della malsana utopia, della rivolta e dell’empietà:  “Omnia instaurare in Cristo”» (21).

 Jean Ousset, nella seconda parte del suo importante libro Pour qu’il règne, dal titolo «Le contestazioni rivolte alla regalità sociale di Nostro Signore Gesù Cristo», ha eccellenti pagine sul naturalismo; egli rileva tre categorie di naturalismo:

 un «naturalismo aggressivo o nettamente ostentato», che nega l’esistenza stessa del soprannaturale, quello dei razionalisti (vedi sopra);

 poi un naturalismo moderato che non nega il soprannaturale ma rifiuta di accordargli il primato, perché ritiene che tutte le religioni siano un’emanazione del senso religioso: si tratta del naturalismo dei modernisti;

 infine c’è il naturalismo incoerente, che ammette l’esistenza del soprannaturale e la sua supremazia tutta divina, ma lo considera come «materia facoltativa»: è il naturalismo pratico di molti cristiani pusillanimi.

 

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

20) Cardinale Pie, Vescovo di Poitiers , Œuvres, T. II, pp. 380-381, citato da Jean Ousset, Pour qu’Il règne, p. 117.

21) Lettera sul Sillon Notre charge apostolique, del 25 agosto 1910, PIN 430.