Papa FrancescoComunicato dalla Casa generalizia

Il 21 novembre 2016 la Santa Sede ha reso pubblica la Lettera apostolica di Papa Francesco Misericordia et misera del 20 novembre. Al §12 di questo documento il Santo Padre estende al di là dell’Anno della Misericordia la facoltà di confessare accordata, il 1° settembre 2015, ai sacerdoti della Fraternità San Pio X:

1917 – 2017: attualità del messaggio di Fatima

Cari Amici e Benefattori,

Nel 1917, la Madonna si è degnata di visitare la terra. Ella ha confidato ai tre veggenti di Fatima un messaggio composto da più parti, di cui certe sono riunite sotto il nome di «segreto», così che il «messaggio» ed il «segreto» di Fatima sono divenuti come sinonimi. Bisogna, tuttavia, distinguerli. Il messaggio fu comunicato immediatamente. Le parti rilevanti del «segreto» erano destinate ad essere divulgate in seguito, con diverse date, al più tardi nel 1960.

In seguito alla riunione dei superiori della Fraternità San Pio X, oltre al comunicato letto in occasione delle ordinazioni sacerdotali a Ecône, Mons. Bernard Fellay aveva indirizzato ai sacerdoti, il giorno precedente, una dichiarazione che DICI pubblica in esclusiva.

Alla conclusione della riunione dei Superiori maggiori della Fraternità Sacerdotale San Pio X, tenutasi in Svizzera dal 25 al 28 giugno 2016, ilSuperiore Generale, mons. Bernard Fellay, ha rilasciato il seguente comunicato:

logo fsspxDichiarazione della Fraternità San Pio X

circa l’Esortazione post-sinodale Amoris Lætitia

di Papa Francesco, del 19 marzo 2016

C’è di che piangere

«È una esortazione apostolica che ha per titolo: La gioia dell’amore, e che ci fa piangere»

Sermone di Mons. Fellay a Puy-en-Velay, 10 aprile 2016

4 marzo 2016, Menzingen (Svizzera)

A che punto sono i rapporti della Fraternità San Pio X con Roma?

Da qualche settimana, diverse voci circolano sulla stampa a proposito di un eventuale riconoscimento canonico della Fraternità San Pio X da parte di Roma. Piuttosto che aggiungere commenti a queste voci, DICI ha preferito interpellare il Superiore generale della Fraternità, Mons. Bernard Fellay, per chiedergli di fare il punto sulle seguenti questioni: